venerdì 5 agosto 2011

(TERNI) ESTORSIONE ED ISTIGAZIONE AL SUICIDIO: ARRESTATI DUE IMPRENDITORI



La Squadra Mobile della questura di Terni, nell'ambito delle indagini che sono iniziate dopo il suicidio del commercialista ternano Gianluca Boninsegni, questa mattina ha arrestato due imprenditori per estorsione aggravata, evasione fiscale ed istigazione al suicidio.
G.R. di Narni (55 anni) e A.P. ternano (53 anni) avrebbero costretto il commercialista - che lo scorso 28 luglio si è tolto la vita gettandosi dal ponte sulla statale Tiberina e Narni - ad effettuare false registrazioni contabili per molte società a loro riconducibili. I due avrebbero , inoltre, vessato ripetutamente il Boninsegni minacciandolo di interropere i rapporti professionali con il suo studio.
Dalle indagini, coordinate dal PM Elisabetta Massini, sarebbe emerso inoltre che i due imprenditori, al fine di legittimare le operazioni finanziarie contestate e per la paura che, dopo il primo tentativo di suicidio del commercialista risalente allo scorso marzo, si sarebbe aperta un'indagine, lo avrebbero costretto a sottoscrivere alcune deleghe retrodatate anche risalenti al 2009.
Riconosciuta, dunque, l'estrema gravità della condotta dei due imprenditori e per evitare l'inquinamento delle prove, il Gip di Terni Maurizio Santoloci ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare. Gli uomini della Squadra Mobile della questura di Terni sono ancora impegnati nelle perquisizioni relative alle dodici società ed imprese riconducibili ai due.


Le notizie del blog TERNI...tudine sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «TERNI...tudine Blog» e l'indirizzo «www.ternitudine.blogspot.com»

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget