mercoledì 20 aprile 2011

CASINI: GOVERNO ALLA FRUTTA, OSSESSIONATO DA TERZO POLO E IMPEGNATO IN LEGGI CONTRO LE IDENTITA' POLITICHE



Il leader dell'Unione di Centro, Pierferdinando Casini, a Montecitorio ai margini della riunione del coordinamento del Nuovo polo per l'Italia, critica il Governo relativamente al Piano Nazionale delle Riforme e all'ipotesi di modifica della legge elettorale: "C'è un governo che non governa - dice Casini - e che non affronta i temi dell'economia. Il piano nazionale di riforma che hanno presentato è un decalogo di buone intenzioni ma non c'è un disegno di sviluppo del Paese e se il Paese non si sviluppa, ci sono più disoccupati, più giovani disoccupati, più donne disoccupate, più disoccupati nel Mezzogiorno. Capisco che il governo è preso dalle ossessioni giudiziarie e oggi hanno anche l'ossessione del terzo polo: vuol dire che la nostra iniziativa politica è giusta".
"Non c'è slancio necessario, non c'è l'assunzione di responsabilità per riprendere la strada dello sviluppo, è un elenco di buoni propositi che non si capisce come di potrà realizzare".
Il Governo "è impegnato in leggi particolari sulla giustizia - conclude Casini - e ora, ossessionato dal terzo polo, anche in leggi contro le persone e le identità politiche. Non sono affatto preoccupato, questo serve solo a far capire agli italiani come siano alla frutta. Purtroppo alla frutta portano anche tutto il Paese perché vediamo uno stato di lacerante contrapposizione e di sostanziale paralisi su ogni tema fondamentale".

Quasi contemporaneamente il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, attacca il terzo polo per una lista presentata alle amministrative: "Spero che i maggiori esponenti dell'Udc a livello nazionale intervengano per impedire qesto risibile stratagemma. In caso contrario, il 16 maggio il candidato centrista oltre alle elezioni avrà perso anche la faccia".
"Il popolo della libertà e i suoi alleati - continua Berlusconi - hanno scelto Michele Coppola, assessore alla Cultura della Giunta regionale del Piemonte , come proprio candidato a sindaco di Torino. Per tutta risposta, il cosiddetto Terzo Polo ha scovato una sconosciuta signora Mina Coppola e le ha intestato una lista a sostegno del suo candidato, con l'intento di indurre in errore gli elettori torinesi e racimolare qualche voto in più con la furbizia e l'inganno". "E' singolare - conclude il presidente del Consiglio - che il cosiddetto terzo polo, sempre pronto a fare la morale su come ci si debba comportare e su come la politica debba essere diversa, utilizzi liste patacca e trucchi per ingannare i cittadini".
Laconica la risposta di Pierferdinando Casini: "Non mi sono occupato delle liste in Lombardia, né in Piemonte".

Le notizie del blog TERNI...tudine sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «TERNI...tudine Blog» e l'indirizzo «www.ternitudine.blogspot.com»

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget