martedì 12 ottobre 2010

PARITA' UOMO-DONNA: ITALIA SCENDE ANCORA, ULTIMA IN EUROPA



Il "The global gender gap report 2010" - il rapporto globale sulle pari opportunità - del World Economic Forum, certifica la deriva regressiva del nostro Paese che nella classifica risulta al 74° posto su 134 paesi analizzati.
Ultimi in Europa, rispetto allo scorso anno, perdiamo due posizioni. Peggio di noi, tra i paesi cosiddetti avanzati, risulta soltanto il Giappone. I paesi nordici, come sempre, 'fanno filotto'. Alle prime quattro posizioni della classifica, infatti, troviamo Islanda, Norvegia, Finlandia e Svezia.
Klaus Schwab, fondatore e presidente del World Economic Forum, ha dichiarato: "Le differenze tra i sessi sono correlate con alta competitività economica: donne e ragazze vengono trattate in modo equo se un Paese è in crescita".

Mentre l'Italia è ancora persa in dibattiti politici assurdi in un clima quasi pre-elettorale, il premier Silvio Berlusconi lancia l'ennesimo allarmante spot: il quoziente familiare. Riforma fiscale che - se non inserita in un ampio sistema di ammortizzatori sociali (come in Francia) - non farebbe altro che ridurre ancora di più la partecipazione femminile alla forza-lavoro.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget