lunedì 17 maggio 2010

LEGGENDA METROPOLITANA /2

Tracciato della metropolitana di superficie di Terni

Alcune immagini della stazione/fermata di Cardeto


Il tempo scorre, i mesi passano insieme alle promesse e il "Servizio ferroviario suburbano di Terni" - meglio conosciuto come metropolitana di superficie - è sempre lontano da partire. "All'approvazione del progetto la data prevista di fine dei lavori era fissata per il dicembre 2002, con l'inaugurazione che avrebbe avuto luogo il 14 febbraio 2003. Questa data è stata più volte rinviata. A gennaio 2008, le previsioni parlavano di apertura per l'autunno 2008. Nuove previsioni di luglio 2009 parlano di entrata in servizi per la primavera del 2012". Questo è tutto ciò che si conosceva fino a ieri quando Vannio Brozzi, amministratore unico della Ferrovia Centrale Umbra, ha "azzardato una data per l'avvio della nuova infrastruttura" (dal "Corriere dell'Umbria" del 17/05/2010, pag. 17 - "Metropolitana al via tra 4 mesi" di Chiara Damiani).
Certo, definire nuova un'infrastruttura che era già vecchia e probabilmente inutile al momento della presentazione del progetto non è proprio la cosa migliore, ma tant'è. Per Brozzi "Partirà a settembre la prima corsa della metropolitana di superficie Terni-Cesi, un avvio sperimentale con due carrozze da 230 posti in tutto" anche se la sua dichiarazione non nasconde alcune preoccupazioni sul suo possibile "flop": "Avendo monitorato l'utilizzo del treno nella tratta interessata dalla nuova metro ci risulta che da quattro anni, sono soltanto due gli utenti". "Non basta far partire la metro - continua Brozzi - ci vuole una politica di accompagnamento da parte delle istituzioni".
Sull'argomento interviene anche la presidente della circoscrizione Nord, Francesca Malafoglia, che dopo solo una decina d'anni dall'avvio del progetto ed una ventina di milioni di euro spesi, dichiara: "ad oggi infatti il progetto prevede l'arrivo della metro al binario quinto della stazione di Terni, ma per chi avrà caricato la bici sull'apposito vagone, quando scenderà alla stazione ci sarà una brutta sorpresa. Nessuna possibilità di raggiungere la strada se non quella di pigliarsi in braccio la bicicletta e caricarsela fino all'ingresso della stazione ferroviaria", "si partirebbe insomma - continua la Malafoglia - decisamente con il piede sbagliato, per cui i tecnici che stanno studiando un'ipotesi per far arrivare la metro al binario uno, con una manovra da effettuare in prossimità dello scale, direttamente collegato al piazzale della stazione".

Comunque non vi preoccupate, questo è solo un avvio sperimentale. La metropolitana di superficie entrerà in servizio non prima della primavera del 2012...

Per saperne di più vedi anche il post del 3 dicembre 2009 "Leggenda metropolitana".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget