martedì 28 luglio 2009

STORIE DALL'ITALIA CHE REGREDISCE: L'ULTIMA TROVATA DELLA LEGA E' IL TEST DI DIALETTO PER I PROFESSORI


L'ultima trovata della Lega è quella di inserire un nuovo criterio per l'abilitazione dei professori, un "test dal quale emerga la loro conoscenza della storia, delle tradizioni e del dialetto della regione in cui intendono insegnare". L'argomento è stato sollevato alla Camera dalla deputata del Pd, Emilia De Biasi. La stessa Presidente della Commissione Cultura della Camera, Valentina Aprea del Pdl si è opposta ed ha annullato il comitato ristretto investendo della questione direttamente la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. 

La riforma, per il momento, si è bloccata ma Paola Goisis, deputata della Lega ha dichiarato: "Il Presidente Aprea ci ha detto che il testo dovrà essere discusso direttamente in aula. Ma a questo noi ci opporremo perché non si può scavalcare così la volontà di un partito di maggioranza e la stessa Commissione", "Noi avevamo presentato una proposta di legge di riforma della scuola. Ma questa non è stata condivisa da tutta la maggioranza. Così abbiamo chiesto che ne venisse recepita almeno la parte nel testo unificato che ora era all'esame della Commissione Cultura", "Abbiamo rinunciato a tutto - continua la Goisis - tranne che ad un punto sul quale insisteremo fino alla fine: ci dovrà essere un albo regionale al quale potranno iscriversi tutti i professori che vogliono. Ma prima dovrà essere fatta una pre-selezione che attesti la tutela e la valorizzazione del territorio da parte dell'insegnante". La deputata leghista ha concluso affermando che l'obiettivo della Lega è quello di "ottenere una sostanziale uguaglianza tra i professori del Nord e quelli del Sud. Non è possibile, infatti, che la maggior parte dei professori che insegna al nord sia meridionale". 

Molte le reazioni. Il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha assicurato che sarà garantito il rispetto dei principi fondamentali della Costituzione. Manuela Ghizzoni del Partito Democratico ha dichiarato: "La proposta è l'ennesimo tentativo di inserire nel nostro ordinamento norme incostituzionali che discriminano sulla base del territorio di provenienza. L'istruzione è un tema troppo serio e non può divenire oggetto di pericolose incursioni ideologiche dal sapore tutto nordista". 

3 commenti:

Adduso ha detto...

Invece d'insegnare unione e solidarietà a scuola, creiamo divisioni linguistiche e quindi automaticamente sociali ed etniche.

L'attuale periodo storico politico italiano passerà certamente alla Storia come il più decadente ed incivile che ci sia stato dal dopo-guerra.

L’attuale decadimento sociale e civile della società italiana, visibilmente anche alimentato da certi media televisivi privati e pubblici palesemente al servizio del sistema politico, istituzionale e affarista, sta partorendo un delirio autolesionista che finirà con il "Neanderthaliare" l'intera società italiana.

La colpa di tutto questo rigurgito di nazismo e mafiosità è anche colpa di un certo pseudo centro sinistra, troppo attaccato alle sue poltrone e per le quali si vende chiunque, pure per tritato per cani andato a male.

Ai nostri politicanti da Tv:
Ci sono storicamente "limiti" civili e sociali, che una volta oltrepassati, poi non si ritorna indietro se non in modo "disastroso. Le “torri di babele” hanno da sempre e solo ingenerato confusione. Il nostro cervello si è fortemente strutturato per il linguaggio permettendo alla nostra specifica specie di circa 250 mila anni addietro di essere quella emergente rispetto a tutte le altre perché abbiamo la capacità fisiologica e la giusta mutazione genetica per parlare e quindi per capirci e trasmetterci le informazioni. Ma evidentemente il nostro ciclico cervello è anche capace di rigurgitare ancestrali modelli scimmieschi come quelli a cui si ispira la Lega per questa Nazione.

Anonimo ha detto...

Nulla di cui meravigliarsi, l'itaglia è frutto di conquiste savoiarde. W la Lega, W la Padania!

Anonimo ha detto...

infatti anonimo!!!ma fate sta secessione e andatevene a fanculo voi,la polenta e tutta la vostra carrettata di ignoranti,fatevi e soprattutto fate al resto del Paese questo favore,così almeno non continueremo a fare queste figure di merda con il resto del mondo!dopo di questa ennesima porcata, Bossi e tutti quelli come te che lo seguono,non dovreste far altro che vestirvi da pagliacci,perchè solo questo siete,ovvero la vergogna di questa sottospecie di Paese...BUFFONI!

Si è verificato un errore nel gadget