giovedì 2 aprile 2009

PDL: DOPO IL CONGRESSO E' GIA' BAGARRE SULLE CANDIDATURE


Com'era prevedibile è già scoppiata la bagarre nel nuovo partito appena uscito dal Congresso fondativo. A Terni, come nel resto d'Italia, si dovrà fare i conti con un listone unico in cui dovranno candidarsi gli ex esponenti di Forza Italia, quelli di Alleanza Nazionale e quelli dei partiti minori, tutto quello spezzatino, cioè, rappresentato dalla Nuova Dc, dai Popolari Liberali, dai Repubblicani, dalla Destra Libertaria ed altri ancora. E se queste ultime micro formazioni sono felici di mettere anche un solo candidato in una lista più rappresentativa, lo stesso non si può dire dei forzisti e degli ex missini che vedono, in questo modo, una riduzione dei possibili candidati.
La cosa è talmente evidente che sono già iniziate le riunioni per individuare i criteri di selezione e qualcuno è già partito con la sua autocandidatura bruciando le tappe per paura di essere escluso.
Questa è la situazione per cui godiamoci la ressa e stiamo a vedere. Per ora l'unica cosa certa è che i posti in lista sono stati divisi così: 28 agli ex di Forza Italia che, però, dovranno garantire anche l'accesso delle formazioni minori, e 12 agli ex di Alleanza Nazionale. Un'altra certezza è che accorrerà in soccorso degli eventuali esclusi il candidato sindaco che raccoglierà gli sventurati nella sua lista civica che dopo aver escluso gran parte dei fondatori ha anche cambiato nome...

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget