giovedì 2 aprile 2009

LA FINANZA TORNA IN COMUNE PER I LAVORI AL CIMITERO. STRETTO RISERBO SULLE INDAGINI DELLA CORTE DEI CONTI


E' trascorsa soltanto una mesata dall'ultima notizia relativa ad indagini della Corte dei Conti sul Comune di Terni e già ne è iniziata una nuova su cui vige, però, il più stretto riserbo. Sappiamo soltanto che ieri la Guardia di Finanza è entrata in Comune ed ha sequestrato incartamenti e faldoni relativi ai lavori di ampliamento del cimitero.
La vicenda è probabilmente legata ai ritardi per i citati lavori che interessano migliaia di famiglie ternane. Duecento di queste famiglie hanno, nel corso di questi anni, costituito il Comitato "La buona terra", presentato un esposto ai magistrati contabili ed hanno intentato una causa al Comune per vedere riconosciuti i loro diritti. Nelle scorse settimane, in vista delle elezioni, hanno inviato un comunicato in cui annunciavano, in considerazione dell'appoggio a loro offerto, il loro sostegno al candidato sindaco dell'Udc Enrico Melasecche.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget