lunedì 4 aprile 2011

TUTTI GLI AFFARI DEL DIRETTORE: DOPO "COSPEA 2" ED EVENTI VALENTINIANI SPUNTA ANCHE IL NUOVO MERCATO COPERTO ARANCIONE

Leandro Porcacchia
Che la storia non fosse destinata a concludersi facilmente lo sapevamo. Dopo gli arresti per estorsione di Leandro Porcacchia e Sergio Briganti, convalidati dal Gup Pierluigi Panariello, gli inquirenti sono sommersi dalla montagna di documenti sequestrati. Dalla stampa locale leggiamo che i lavori "non si sono fermati neppure per la pausa del fine settimana" (da Il Messaggero del 04/04/2011, "Il nuovo mercato, un altro piatto prelibato"). Oltre alla documentazione e ai fascicoli trovati nella valigetta custodita nella cassaforte dell'ufficio di Porcacchia, gli investigatori stanno analizzando cinque computers sequestrati nella sede di Confcommercio di via mentana e i movimenti di undici conti correnti.
Starebbe emergendo un vasto giro di soldi tra le varie società collegate alla Confcommercio. Movimenti sospetti tra l'uno e l'altro conto corrente e tra l'una e l'altra società con "buchi" di bilancio da centinaia di milioni di euro che venivano creati e coperti secondo necessità. "I movimenti bancari degli undici conti correnti nella disponibilità di Porcacchia celano un flusso di denari inusuale per un direttore della Confcommercio"; soldi ricevuti da Enti anche per le manifestazioni varie compresi gli eventi valentiniani.
Nel vortice, oltre a "Unioneservizi srl", viene inghiottita anche la "Fidi Commercio", altra società della galassia Confcommercio. Attraverso questa società l'ormai ex direttorissimo ha prestato soldi a personaggi non proprio 'affidabili': 800.000 euro pagati ad un imprenditore finito in carcere subito dopo per bancarotta fraudolenta per la gestione di negozi di telefonia.
Dopo l'ex Tulipano, dalle carte starebbero emergendo anche affari legati a "Cospea 2" e al nuovo mercato coperto arancione a largo Manni. Nel primo caso ci sarebbe la realizzazione di un nuovo centro commerciale a Cospea in un'area ceduta dal Comune di Terni per 8.000.000 di euro. Nel secondo il "Consorzio Cometa" - altra società della galassia Confcommercio - sarebbe stata interessata ad ampliare con una struttura da gestire direttamente il già bel 'parallelepipedo arancione' di Largo Manni, futura sede del Mercato coperto.

Le notizie del blog TERNI...tudine sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «TERNI...tudine Blog» e l'indirizzo «www.ternitudine.blogspot.com»

1 commento:

nicoleo53 ha detto...

ce solo da riflettere niente da commentare

Si è verificato un errore nel gadget