mercoledì 10 giugno 2009

VENTICINQUE ANNI FA MORIVA ENRICO BERLINGUER


L'11 giugno 1984 moriva Enrico Berlinguer. Oggi, la Camera dei Deputati, ha organizzato una cerimonia per ricordare il leader del Pci alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. 
Gianfranco Fini, Presidente della Camera, ha dichiarato:
"Erano certamente altri tempi e, quindi, erano anche altri uomini. Sicuramente non avrebbe senso rimpiangere quei tempi. Credo che abbia senso riservare ammirazione per quegli uomini e, in questa occasione, certamente per Enrico Berlinguer".
, ha poi ricordato l'aneddoto legato ai funerali, quando in fila tra la folla dei militanti comunisti, si inserì, da solo, per rendere omaggio alla salma dell'avversario, il segretario del Msi, Giorgio Almirante:
"Fu riconosciuto e furono avvertiti i dirigenti del partito. Scese Giancarlo Pajetta e gli disse: Prego accomodati. Quando nel pomeriggio chiesi ad Almirante perchè fosse andato da solo, mi rispose: "Da solo, perchp non dovevo temere nulla, perchè oltre il rogo non v'è ira nemica..." e poi mi confidò di essere rimasto colpito dal fatto che Berlinguer avesse voluto portare in fondo il suo comizio a Padova, fino all'estremo sacrificio".
"Per un'ironia del destino qualche tempo dopo anche Almirante in occasione del suo ultimo comizio a piazza del Popolo ebbe un malore Sopravvisse, ma dopo pochi mesi morì. La salma venne esposta a via della Scrofa, nella sede del Msi di cui io ero divenuto segretario. Mi raggiunse una telefonata: Sono Pajetta, devo mettermi in fila?. Io gli dissi: No, vieni".
"Nel richiamo al nesso tra etica e politica si esprime un più generale spirito repubblicano, quello stesso spirito che anche oggi deve rimanere come valore condiviso tra i diversi schieramenti politici".
"La questione morale non fu solo l'orgogliosa rivendicazione della presunta diversità comunista, fu anche la capacità di guardare in profondità alle dinamiche in atto nella politica italiana, nel momento in cui si manifestavano le prime crepe nel rapporto di fiducia tra la politica stessa e la società".
Il Presidente Fini, poi, cita una frase di Massimo D'Alema: 
"La questione morale posa in realtà il problema della democrazia e delle sue basi di consenso e di legittimazione che si sgretolano se viene meno il nesso tra etiva e politica. Non possiamo dire che, nella questione morale sollevata da Berlinguer, fossero presenti valori riconosciuti soltanto dalla sinistra italiana".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget