venerdì 10 aprile 2009

BALDASSARRE E DI GIROLAMO SNOBBANO L'INCONTRO TRA I CANDIDATI


Da qualche settimana la città è piena di manifesti elettorali grandi e piccoli, le televisioni locali sono state prese d'assalto, la stampa locale rincorre anche la più piccola notizia relativa all'uno e all'altro candidato e anche facebook e la rete sono sommerse di locandine ed interventi, gruppi di sostegno e pagine dei candidati. Non si può, anche volendo, fare a meno di entrare in contatto con un politico. C'è che ti ferma per strada, chi ti chiama per telefono o chi ti manda una mail.
Oggi era in programma un dibattito con tutti i candidati Sindaco organizzato dalla redazione del mensile LIBERAMENTE e finalmente avremmo potuto vedere tutti questi candidati confrontarsi democraticamente difronte ad un moderatore. Avremmo potuto conoscere qualche punto dei vari programmi che ancora, a quanto mi risulta, non sono stati resi noti.
Invece, alle 17,45, Massimo Sampaolesi, Direttore Responsabile del mensile e moderatore dell'incontro, ha comunicato che non sarebbero stati presenti nè il Prof. Antonio Baldassarre, candidato Sindaco del polo di destra, nè il Dott. Leopoldo di Girolamo, candidato Sindaco del Polo di sinistra e nemmeno Massimo Valigi, candidato Sindaco di una lista civica di orientamento cattolico. Dopo l'annuncio Sampaolesi ha letto i comunicati e le motivazioni che hanno spinto tali candidati a non partecipare ad un dibattito pubblico. Massimo Valigi ha dichiarato, in un articolo apparso oggi sul Giornale dell'Umbria, di essere cattolico e, per questo, di non poter partecipare perchè oggi è il venerdi Santo. Il Prof. Antonio Baldassarre, con un comunicato stampa, ha dichiarato che avrebbe partecipato soltanto ad un dibattito con il candidato dell'altro schieramento (quindi soltanto con Di Girolamo) e con un moderatore che sarebbe dovuto essere stato concordato da entrambe le parti. Il Dott. Leopoldo Di Girolamo, invece, ha dichiarato di non poter partecipare perchè non sono ancora pronte e decise in maniera definitiva le candidature (vedi posizione IDV).
Erano comunque presenti: Enrico Melasecche, candidato Sindaco dell'Udc e della lista civica "Change for Terni", Leo Venturi, candidato Sindaco della lista civica "Terni Oltre", Federico Di Bartolo, candidato Sindaco dell'Idv e Gianluca Procaccini, candidato Sindaco per La Destra.
Insomma, il pubblico c'era, le domande erano interessanti, il moderatore ha moderato. I candidati degli schieramenti di destra e sinistra (quindi i più rappresentativi e quelli con maggiori chance di vittoria) hanno preferito sottrarsi ad un dibattito pubblico. Questo è il livello democratico raggiunto dalla nostra città. Volete un consiglio? La prossima volta che vedrete un candidato chiedervi il voto domandate se è disposto a chiarire le sue posizioni, a spiegare il suo programma di governo e a confrontarsi democraticamente...

3 commenti:

ARNALDOCASALI ha detto...

Solo per ricordare che i candidati - Di Girolamo e Baldassarre e Valigi compresi - si erano già incontrati in un dibattito pubblico: quello organizzato da STRAVALETNINO il 17 febbraio, al quale non erano presenti invece Di Bartolo e Procaccini semplicemente perché non avevano ancora annunciato le loro candidature.

umbria ha detto...

Salve
su Terni Mania stiamo cercando di realizzare un questionario, suggerito da tutti gli utenti, che poi invieremo a tutti i candidati sindaco di Terni, lo trovate qui.
Se avete domande da aggiungere vi aspettiamo, e speriamo che ci rispondano, anzi se avete contatti diretti con un candidato ci farebbe molto piacere se lo poteste avvertire.
Grazie

Anonimo ha detto...

c'erano 67 persone (redattori e galoppini dei candidati inclusi). Praticamente erano più i candidati in cerca di visibilità che pubblico realmente interessato.

E i candidati a sindaco (quelli realmente candidati) dovrebbero frequentare queste fiere di paese? Ma per favore

Si è verificato un errore nel gadget