mercoledì 21 gennaio 2009

PRIMA STOCCATA A BALDASSARRE, FORZA ITALIA CONVOCA I DIRIGENTI

Antonio Baldassarre

Raffaele Nevi


Federico Salvati

A pochi mesi dalle elezioni, la nebbia che avvolge la figura del candidato in pectore del centro-destra Antonio Baldassarre anzichè diradarsi si fa sempre più fitta. Ogni giorno che passa crescono le incertezze e la strada verso Palazzo Spada si fa sempre più ripida.
Oggi, fra poco meno di un'ora, i dirigenti di Forza Italia si riuniscono a Palazzo Galazzoli negli uffici del consigliere regionale Raffaele Nevi per definire la squadra, il programma ed il piano d'attacco per le prossime amministrative e per esortare il Professore a fare un pò di chiarezza. Fabio Biscetti, segretario provinciale di Forza Italia dichiara "Nessun siluro verso nessuno, solo esigenza di chiarezza nei rapporti , nei metodi, nei contenuti e negli uomini. Chiarezza nel costruire una squadra e un programma che possano vincere le elezioni, dato che oggi ci sono tutte le condizioni" (Corriere dell'Umbria del 21/01/2009, pg. 13 - "Forza Italia, dirigenti convocati per fare chiarezza con Baldassarre" di Giuseppe Magroni). Anche Raffaele Nevi interviene dichiarando "non ci siamo convocati per decidere si o no sulla candidatura Baldassarre. Non è un referendum ma solo un'esigenza di chiarezza tra noi e il candidato in modo che si parta nella massima trasparenza e nella massima condivisione dei contenuti", "La candidatura Baldassarre non deve nascere solo dalla società civile, deve emergere anche dal rapporto con i partiti del centrodestra. Occorre una condivisione piena dei programmi, è ora dunque che si aprano tavoli programmatici veri. E' il tempo di confrontare le reciproche idee su ambiente, sviluppo, aziende pubbliche. Altrimenti megari fra qualche mese si scopre che sull'Università, sulle Farmacie o sul futuro del Cmm la pensiamo in modo diverso. E' un rischio che non possiamo permetterci anche perchè, sondaggi veri alla mano, questa volta abbiamo tutte le carte in regola per vincere le elezioni".
Federico Salvati, consigliere comunale di Forza Italia dichiara "all'interno della PDL siamo la forza di maggioranza. Mi sarei aspettato un incontro ufficiale col gruppo consiliare. Invece qualche consigliere è stato ricevuto individualmente presso lo studio dell'avvocato Fiocchi".
I rappresentanti di Forza Italia si sono tolti anche qualche sassolino dalle scarpe commentando l'intervista che il Presidente emerito della Corte Costituzionale ha rilasciato qualche giorno fa sul periodico Liberamente. Fabio Biscetti dichiara "Classico esempio di scollegamento, concordo sulla strategia di recuperare voti a sinistra. Ma c'è modo e modo di fare questo. Invece di tessere le lodi di Ingrao paladino degli umili, Berlinguer, Napolitano, Natta e Amendola. Invece di parlare male di Berlusconi, che a suo dire l'avrebbe cacciato dalla presidenza della Rai per i no ricevuti dallo stesso Baldassarre, il professore avrebbe dovuto parlare male di tutte le cose che non vanno nel territorio, del fallimento di quei progetti e di quei programmi della giunta Raffaelli che tanto scontento stanno sollevando anche a sinistra".
Insomma, anche a destra, dichiarare che la situazione non sia delle migliori sembrerebbe un eufemismo. A pochissimi mesi dalle elezioni, in nessuno dei due schieramenti esiste uno straccio di programma, di idea, di strategia politica per il bene della città. A dire il vero, la destra a tutt'oggi non ha nemmeno un candidato...

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget