mercoledì 18 maggio 2011

(UMBRIA) CASO BREGA, PRESIDENTE CONSIGLIO REGIONALE: OLTRE AL PECULATO LA CONCUSSIONE

Eros Brega
L'iscrizione nel registro degli indagati del presidente del Consiglio regionale dell'Umbria, Eros Brega, oltre all'accusa di peculato nell'ambito dell'indagine coordinata dal sostituto procuratore della repubblica Elisabetta Massini, vede una nuova contestazione di reato, la concussione, e sarebbe legata all'episodio della visita al carcere di Sabbione del 31 marzo scorso in concomitanza con la convalida dell'arresto dell'ex direttore di Confcommercio Leandro Porcacchia.
Per l'avvocato Manlio Morcella, legale di Brega, la concussione sarebbe "solo un corollario del filone principale", "un'accusa giuridicamente improponibile".
La nuova ipotesi di reato "sarebbe legata a un incontro avvenuto nel carcere di Terni tra Brega e il direttore della Confcommercio, già sospeso, Leandro Porcacchia" (da "LaNazione.it"), "Brega - si legge ancora - nell'ambito di una visita istituzionale, avrebbe indotto un ufficiale delle guardie carcerarie - ritengono gli inquirenti - ad avere un colloquio con Porcacchia". Brega, ieri, durante l'interrogatorio, ha respinto fortemente l'accusa, affermando di aver avuto un comportamento sempre corretto.

Vediamo un pò più in dettaglio cosa sono i reati contestati al presidente del Consiglio Regionale:
  • "Il peculato, nel diritto penale italiano, è il reato previsto dall'art. 314 del codice penale, in virtù del quale il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio, che, avendo per ragione del suo ufficio o servizio il possesso o comunque la disponibilità di denaro o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria" (da Wikipedia);
  • "La concussione (dal latino concussio, -onis, derivato da concussus, participio passato di concutere, estorcere) è il più grave dei reati contro la pubblica amministrazione. E' un reato proprio in quanto commesso dal pubblico ufficiale o dall'incaricato di pubblico servizio. La condotta incriminata consiste nel farsi dare o nel promettere, per sé o per altri, denaro o un altro vantaggio anche non patrimoniale abusando della propria posizione" (da Wikipedia).
Le notizie del blog TERNI...tudine sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «TERNI...tudine Blog» e l'indirizzo «www.ternitudine.blogspot.com»

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget